lunedì 5 giugno 2017

Presentazione workshop OSMAnd

Come promesso durante il workshop metto la presentazione e il file gpx della camminata del pomeriggio.
Già che ci siamo qualche foto della giornata...
Workshop

Pizzocherata

camminata


E per il partecipante meno attento al cellulare...

sabato 27 maggio 2017

LA TORRE apre... workshop e camminata

Il 4 di giugno sarà la prima domenica del mese e "LA TORRE apre..." vi propone un programma molto interessante!
In collaborazione con il CAI - sottosezione Ponte in Valtellina questa edizione prevede tre momenti di sicuro interesse.

Iniziamo alle 11 con il workshop ""Uso della cartografia digitale con il telefono per il trekking in montagna". Tramite l'uso dello smartphone e in particolare dell'applicazione OSMAnd vedremo come orientarci in zone montane e come pianificare una camminata. Chi parteciperà all'incontro dovrebbe avere già installato l'applicazione dal sito http://osmand.net e magari averla provata cercando di raggiungere la torre dal sentiero che parte dalla panoramica che passa poco sotto. Appena lasciato il viadotto arrivando da Ponte in Valtellina salire dallo svincolo in località Cà di Martui e prendere il sentiero (percorso viola nella cartina sotto).
Alle 12.30 circa potremo mangiare assieme e c'è la possibilità di assaggiare dei pizzoccheri con un bicchiere di vino. Il costo (non ve ne sono altri!) si aggirerà intorno ai 5€ ed è necessaria la prenotazione. E' comunque possibile portarsi il pranzo al sacco!
Alle 14 faremo una camminata ad anello di circa 5 km con 300 metri di dislivello lungo un sentiero che richiede attrezzatura da trekking (scarponcini e bacchette sono ideali). 
Per chi avrà partecipato al workshop della mattina sarà l'occasione per sperimentare quanto appreso ed eventualmente chiedere informazioni e chiarimenti.

Ricordati quindi di scrivere all'indirizzo ilvialedellaformica@gmail.com specificando se vuoi partecipare al workshop, se vuoi prenotare i pizzoccheri e se parteciperai alla camminata. Potrai pagare durante la giornata alla torre.

I parcheggi alla torre sono abbastanza ridotti, considera di parcheggiare nel parcheggio del campo sportivo (nella mappa in basso a destra) e di salire a piedi: è meno di un chilometro e mezzo. Puoi farlo dalla strada asfaltata (percorso azzurro) seguendo la via Brennero, Mortirolo e Maffina. Oppure (percorso viola) passando da via Brennero, Grande, Martori e salendo per la mulattiera che parte dalla contrada Martori.


domenica 30 aprile 2017

La torre apre...

La torre di Roncisvalle di Castionetto sarà aperta tutte le prime domeniche del mese fino ad Ottobre 2017.
Qui le informazioni per arrivarci.
Iniziamo da domenica 7 maggio alle ore 10 fino alle ore 17.
Per la prima giornata sei invitato ad un aperitivo alle 11.
Se vuoi qualche informazione in più sulla torre puoi consultare la pagina wikipedia.


Nella torre troverai una postazione multimediale dove poter consultare la mappa con i sentieri e i toponimi della zona (puoi comunque farlo andando su OpenStreetMap).

All'ultimo piano potrai invece ammirare il paesaggio dal cammino di guardia.

All'interno l'ippogrifo, la paleoscultura dell'artista MeRa realizzata per la mostra del cinquecentenario dell'Orlando Furioso, veglia sulle ampolle dei senni (tra cui i nostri!).

Ti aspettiamo!

venerdì 7 aprile 2017

Teatro: Sarto per signora

La compagnia Magik di Castionetto ci presenterà il loro nuovo lavoro alle 20.45 del 16 aprile, la domenica di Pasqua nella sala parrocchiale "Don E. Tognolini" di Castionetto.
"Sarto per Signora" è un teatro in tre atti di Georges Feydeau.

mercoledì 15 marzo 2017

Chiuro, dal passato, il futuro.

Il rilievo dell’antico borgo ghibellino come esperienza di lavoro, occasione di aggregazione socio-culturale di una comunità e base per costruire il Chiuro Digital Storytelling.

Il viale della Formica è capofila del progetto che da qualche mese ha visto Chiuro come protagonista e che, per questa prima fase, vedrà il suo compimento a fine Giugno.
Il progetto è nato dall’intenzione di rivelare l'inclinazione medievale dell’antico borgo di Chiuro ancor oggi ben presente e visibile nella struttura urbanistica ed edilizia, ma da sempre sottovalutata e poco considerata, al fine di stimolare la rinascita del centro storico.
La presenza di numerosi elementi di origine medievale, rendono Chiuro un CASO UNICO nel contesto della Media Valtellina. Passeggiando tra le vie del borgo non può sfuggire la presenza di torri ben definite dai cantonali in pietre bugnate, che identificano il sistema fortificato; le feritoie; le cornici in pietra a testimonianza delle antiche botteghe; la roggia che alimentava fucine, magli, segherie, mulini; i portali d’ingresso ogivali in pietra squadrata con in chiave lo scudo dei Quadrio.

Obiettivo del progetto è da una parte favorire il senso di appartenenza della comunità, comunicando il valore che ha avuto e può ancora avere il nucleo storico di Chiuro, dall’altra generare esperienze di lavoro per giovani.
A tal fine sono stati coinvolti studenti e professori dell’Università di Bologna (facoltà di ingegneria e architettura - campus Ravenna) per la realizzazione del rilievo del centro storico, con strumentazione digitale all’avanguardia. A novembre 2016 è stato organizzato il primo workshop di tre giorni, a fine aprile 2017 si terrà il secondo.
Il soggiorno in Valle e l’esperienza sul campo degli studenti (che saranno i professionisti di domani) sono occasione, oltre che di studio e di pratica sul campo, di «produzione di contenuti» che, uniti ai risultati delle attività di rilevo, ai contributi di memoria della comunità locale e alle azioni di comunicazione dell’evento, sono il supporto su cui costruire il Chiuro Digital Storytelling, cioè la narrazione di sé (del centro storico di Chiuro) attraverso strumenti digitali.

Nel corso dell’attività di rilievo, i proprietari e gli abitanti del centro storico sono «coinvolti» in prima persona, innescando un dialogo finalizzato alla raccolta di dati, documenti, idee e proposte, per studiare e capire insieme cosa si può e si deve fare per migliorare la qualità della vita di tutti, per rilanciare il borgo da un punto di vista turistico, economico e culturale.
Epicentro delle attività è il palazzo Andress-Flematti, dove sono già presenti tutti gli spazi e gli arredi per ospitare il «campo base». Tutti sono invitati ad assistere ai lavori o a contribuire, in particolare gli studenti delle scuole locali, a novembre ci hanno raggiunto alcune classi dell’Istituto Tecnico Quadrio.

Già ci sono i risultati derivanti dal workshop di novembre e saranno esposti ed illustrati ad aprile. In futuro, altri ricercatori o gli stessi proprietari dei fabbricati, potranno avere accesso ai dati e ai documenti raccolti e tornare utili per tesi di laurea, richieste di finanziamenti in vista di interventi di restauro, ricerche storiche, pubblicazioni di guide o di volumi, campagne di comunicazione e di promozione della specificità e unicità di Chiuro.

Tutto questo si sta realizzando grazie ai finanziamenti di Pro Valtellina, del Comune di Chiuro e dai privati MIDA Impianti S.r.l., Serpentino e Graniti, Del Dosso Diego S.r.l., che hanno compreso e sostenuto questo progetto.
Vi invitiamo a consultare la pagina facebook @chiuropassatofuturo e vi aspettiamo ad aprile per il prossimo workshop!!!
Il progetto è frutto della collaborazione fra fondazione Pro Valtellina - comune di Chiuro – universita’ di Bologna, scuola di ingegneria e architettura, campus Ravenna e  associazione culturale “il viale della Formica” 





venerdì 27 gennaio 2017

Teatro "Tuta colpa de l'anel" - Sbrega

Primo teatro del 2017. Torna a ranghi ridotti, ma con la bravura che conosciamo, la Sbrega di Piateda per un teatro dialettale in due atti.
Lo spettacolo inizierà alle 21 di sabato 4 febbraio nel salone parrocchiale di Castionetto.

Qui la locandina in formato pdf

martedì 3 gennaio 2017

Buon anno dal Viale della Formica

Buon 2017!!! 

Per farci gli auguri ci troveremo venerdì 6 gennaio alle 14.15 al Dosso in via Grande.
Il pomeriggio inizierà con la corsa della befana (i dettagli li trovate nella locandina sotto) che quest'anno è al suo quarto anno per poi proseguire con la premiazione dei presepi.